PROGETTARE IL RISPARMIO ENERGETICO
del giorno 21/08/12 pagina 9 di 20
Questa mattina l'appuntamento lo voglio dedicare alla porzione di casa che non viene mai vista con l'ottica di duplice effetto e sto parlando del tetto.
Questo elemento costruttivo, viene progettato per evitare le infiltrazioni, ma non viene quasi mai preso in considerazione come elemento di contenimento del calore d'inverno, oppure come barriera dello stesso in estate.
Non avete mai fatto caso, quando in pieno inverno, si vedono dei tetti ancora pieni di neve mentre altri sono già completamente liberi ?

Queste due fotografie ritraggono due tetti con pendenze simili, ma nel primo caso la neve si è sciolta, mentre nel secondo caso la neve persiste per molti giorni.
Secondo voi cos'è che crea questa sostanziale differenza ?
la coibentazione del tetto, perché questi per una casa e come per noi il berretto  d'inverno e il cappellino para sole d'estate .
Questa differenza, porta a dei consumi energetici molto elevati, dato che qualsiasi termotecnico vi può provare tranquillamente che la differenza tra un tetto ben isolato e un tetto isolato male si aggira sul 30% di consumo energetico in più.
Questo accessorio della casa, data la sua duplice importanza, lo vorrei approfondire meglio nel prossimo articolo, per tale motivo al momento mi fermerei qui.
come ormai mia abitudine, vorrei fare un battuta:
Ma se un buon tetto dura al massimo 30 anni, perché dato che li dobbiamo rifare non li coibentiamo così ci ripaghiamo della spesa in tempi brevi  ?
Grazie di tutto e buon proseguimento a tutti.



Commenti