Energia reattiva ed Economizzatori

Nell'ultimo articolo abbiamo parlato di cosa sia l'energia reattiva, e di come non possa essere completamente eliminata perchè necessaria per il funzionamento di alcune apparecchiature elettroniche. Come anticipato, ci sono però alcuni dispositivi che possono aiutare a ridurre lo sfasamento tra la tensione e la corrente elettrica, diminuendo l'energia reattiva assorbita dall'impianto. 

Si parla spesso a questo proposito di stabilizzatori di energia, che però  NON portano un reale beneficio a livello di risparmio energetico, in quanto essi stessi consumano energia per garantire la stabilità della tensione. 

E' in commercio un altro tipo di dispositivo, chiamato Economizzatore.
Gli Economizzatori, oltre a svolgere la funzione di stabilizzatore, dato che intrinsecamente al loro funzionamento stabilizzano perfettamente la tensione, (hanno un rendimento intorno al 97%) possono inoltre essere programmati in base alla tensione di uscita che minimizza il consumo senza penalizzare prestazioni e affidabilità delle apparecchiature. 


Gli stabilizzatori quindi oltre a NON conseguire un risparmio, aumentano i consumi per garantire una tensione di uscita stabile e senza sbalzi anche sulle armoniche. Inoltre, queste apparecchiature (detti anche UPS a seconda delle versioni) vengono utilizzate di norma per l’alimentazione di apparati elettronici, PLC industriali, ecc., ma NON vengono utilizzati per l’alimentazione di intere strutture.


Per saperne di più sugli Economizzatori leggi il nostro articolo in merito!

Commenti